Cosa viene condiviso Tekla Model Sharing

Tekla Structures
2019
Tekla Structures

Cosa viene condiviso Tekla Model Sharing

Di default, tutti i dati del modello vengono condivisi quando si condivide un modello in Tekla Model Sharing.

La modalità di condivisione dei dati in Tekla Model Sharing varia in base al tipo dei dati condivisi.

  • Alcuni dati vengono condivisi incrementalmente.

    Ciò significa che vengono condivisi solo i dati nuovi e modificati. Quando si effettua la lettura, i dati recuperati dal servizio di condivisione vengono uniti ai dati sul computer.

    Nota:

    Non è possibile rimuovere o sostituire i database condivisi in modo incrementale. La compatibilità dei database condivisi in modo incrementale è selezionata quando il modello viene aperto.

  • Alcuni dati vengono condivisi, ma non possono essere aggiornati incrementalmente.

    Quando si effettua la lettura, i dati recuperati dal servizio di condivisione sovrascrivono i dati sul computer.

  • Alcuni dati non vengono condivisi.

    Le cartelle vuote nella cartella del modello non sono condivise.

    Di default, i dati di Organizzazione non vengono condivisi.

    Tuttavia, è possibile utilizzare l'importazione e l'esportazione di Organizzazione con Tekla Model Sharing per condividere le modifiche di Organizzazione.

Nota:

Alcuni dei file di catalogo che si trovano nelle cartelle dell'ambiente ( rebar_database.inp , assdb.db , screwdb.db , matdb.bin , profdb.bin ) vengono copiati nella cartella modello quando la condivisione viene avviata.

Modalità di condivisione dei dati

Se si desidera controllare i file sovrascritti quando si effettua la lettura, cliccare su File > Condivisione > Apri cartella di backup file per aprire la cartella \ModelSharing\BackUpEnv nella cartella del modello. La cartella contiene i file sovrascritti delle tre letture più recenti. È quindi possibile, ad esempio, copiare nuovamente i file nel modello o verificare i file per la rilevazione delle modifiche.

Note:

Si consiglia di non rimuovere o sostituire alcun database. Se si rimuove o si sostituisce un database, è necessario creare nuovi dati di base del modello. Tutti gli altri utenti devono quindi partecipare a questi nuovi dati di base, quindi continuare a leggere i pacchetti.

Database

  Descrizione

Database modelli

Il database modelli .db1 viene condiviso in modo incrementale.

Database marcatura

Il database marcatura .db2 viene condiviso, ma non può essere aggiornato in modo incrementale.

Se sono state modificate le impostazioni di marcatura famiglia e si effettua la lettura, si perdono le modifiche se un altro utente ha modificato le impostazioni di marcatura famiglia e ha effettuato la scrittura.

Note:

Si consiglia che un utente aggiorni e condivida le impostazioni di marcatura con altri utenti scrivendole. Nel caso in cui l'utente debba effettuare la lettura prima di scrivere gli aggiornamenti di marcatura, è importante verificare che le impostazioni siano come erano prima di iniziare la loro condivisione.

Si consiglia di utilizzare il comando Marca le serie di marcatura degli oggetti selezionati nella scheda Disegni & report durante la marcatura.

Creare le proprie estrazioni dal modello, come disegni, report, file NC e file IFC, dopo una scrittura avvenuta correttamente.

Database storico del modello

Database storico del modello history.db viene condiviso in modo incrementale.

Database di progetto

I database di progetto .db3 vengono condivisi, ma non possono essere aggiornati in modo incrementale.

Se è stato importato un modello CIS/2 o SDNF e si effettua la lettura, si perdono le modifiche al database di progetto se un altro utente ha importato lo stesso modello CIS/2 o SDNF e ha effettuato la scrittura.

Database del modello di analisi

Il database del modello di analisi .db6 e il database del modello dei risultati dell'analisi .db5 vengono condivisi, ma non possono essere aggiornati in modo incrementale.

Se si è modificato un modello di analisi e si effettua la lettura, si perdono le modifiche al modello di analisi se un altro utente ha modificato lo stesso modello di analisi e ha effettuato la scrittura.

Componenti personalizzati e profili tracciati

Il database componenti personalizzati e profili tracciati xslib.db1 viene condiviso in modo incrementale.

Database modello parte standard

Il modello parte standard .db1 è utilizzato quando il modello parte standard viene salvato in una cartella separata nella cartella del modello corrente.

Assicurarsi che XS_STD_PART_MODEL sia impostato in relazione alla cartella del modello e che indichi il modello parte standard corretto, ad esempio, XS_STD_PART_MODEL=.\StandardParts\.

Cataloghi

  Descrizione

Catalogo profili

Il modello condiviso contiene il file del catalogo profili profdb.bin.

Quando si aggiunge e si utilizza una nuova definizione profilo nel modello condiviso, la definizione viene condivisa la prossima volta che si effettua la scrittura. Quando un altro utente legge questa nuova definizione, il file profdb.bin nella cartella del modello dell'utente viene aggiornato per includere la definizione aggiunta.

È inoltre possibile aggiornare il catalogo profilo con nuove definizioni dei profili senza creare nuovi oggetti o modificare le definizioni esistenti di un profilo già utilizzato nel modello.

Catalogo barre d'armatura

Il modello condiviso contiene il database delle barre d'armatura rebar_database.inp.

Quando si aggiunge e si utilizza una nuova definizione barra d'armatura nel modello condiviso, la definizione viene condivisa la prossima volta che si effettua la scrittura. Quando un altro utente legge questa nuova definizione, il file rebar_database.inp nella cartella del modello dell'utente viene aggiornato per includere la definizione aggiunta.

È inoltre possibile aggiornare il catalogo delle barre d'armatura con nuove definizioni delle barre d'armatura senza creare nuovi oggetti.

Catalogo bulloni

Catalogo assemblaggio bulloni

Il modello condiviso contiene il file del catalogo bulloni screwdb.db e il file del catalogo assemblaggio bulloni assdb.db.

Quando si aggiunge e si utilizza una nuova definizione bullone o assemblaggio bulloni nel modello condiviso, la definizione viene condivisa la volta successiva che si effettua la scrittura. Quando un altro utente legge questa nuova definizione, i file screwdb.db e assdb.db nella cartella del modello dell'utente vengono aggiornati per includere la definizione aggiunta.

È inoltre possibile aggiornare il catalogo bulloni e il catalogo assemblaggio bulloni con nuove definizioni di bulloni e di assemblaggio bulloni senza creare nuovi oggetti.

Catalogo materiali

Il modello condiviso contiene il file del catalogo materiali matdb.bin.

Quando si aggiunge e si utilizza una nuova definizione materiale nel modello condiviso, la definizione viene condivisa la prossima volta che si effettua la scrittura. Quando un altro utente legge questa nuova definizione, il file matdb.bin nella cartella del modello dell'utente viene aggiornato per includere la definizione aggiunta.

È inoltre possibile aggiornare il catalogo materiali con nuove definizioni dei materiali senza creare nuovi oggetti.

UDA, opzioni, viste, entità gettate

  Descrizione

Definizioni attributo utente (UDA)

Quando un modello viene creato, le definizioni degli attributi utente vengono lette dai file objects.inp e le definizioni vengono archiviate nel database environment.db. Le nuove definizioni attributi modificate e aggiunte vengono condivise incrementalmente.

Le nuove definizioni degli attributi vengono aggiunte automaticamente al database quando il modello viene aperto. Se il file objects.inp corrente ha una definizione diversa rispetto al file environment.db , è possibile acquisire modifiche da usare cliccando su File > Controlla e ripara > Controlla e modifica definizioni attributi .

Se il file objects.inp si trova nella cartella del modello, viene diviso come un file e sovrascrive il file locale objects.inp quando si effettua la lettura.

Opzioni

Quando un modello viene creato, le opzioni vengono lette dai file options.ini e le opzioni specifiche del modello sono memorizzate nei database options_model.db e options_drawings.db.

Le opzioni specifiche del modello possono essere modificate utilizzando le finestre di dialogo Opzioni e Opzioni Avanzate. Le modifiche delle opzioni specifiche del modello vengono condivise incrementalmente.

  • Alcune delle opzioni sono di tipo SYSTEM(ROLE). Queste opzioni vengono lette dai file .ini e non sono condivise. È possibile modificare l'opzione del modello SYSTEM(ROLE) nell'opzione MODEL(ROLE) e l'opzione del disegno nell'opzione DRAWINGS(ROLE). Le opzioni quindi sono memorizzate nei database options_model.db oppure options_drawings.db nella cartella modello e il valore viene condiviso incrementalmente.

  • Alcune opzioni sono del tipo USER. Queste opzioni sono specifiche dell'utente e non sono condivise.

  • Alcune opzioni sono del tipo SYSTEM. Queste opzioni sono specifiche dell'utente e non sono condivise. È possibile modificare un'opzione SYSTEM in un'opzione MODEL(SYSTEM). Se si modifica un'opzione SYSTEM in MODEL(SYSTEM) , il valore modificato funziona solo per il modello corrente. Queste opzioni non sono condivise.

Altri file importanti nella cartella del modello

Il file del rilevamento di varietà di ID di database db.idrm e il file del rilevamento di varietà di ID di database librerie xslib.idrm sono collegati alla gestione di ID. Questi file sono necessari, ad esempio, per aprire i disegni creati in modalità single-user o multi-user.

Il file plotdev.bin contiene le definizioni dei dispositivi di stampa create nella Catalogo stampanti ( stampa precedente ). Il file viene condiviso quando si trova nella cartella del modello.

Condivisione vista

Di default, le viste non sono condivise. Le viste sono condivise se hanno un nome, e l'opzione Condivisione nella finestra di dialogo Proprietà vista è impostata su Condivisa.

Si noti che quando ci si collega ad un modello, si ottengono tutte le viste del modello ma le modifiche alle viste non sono condivise se l'opzione Condivisione è impostata su Non condivisa.

Informazioni sulle entità gettate

Le assegnazioni automatiche degli oggetti alle entità gettate non sono condivise. Il comando Calcola entità gettate deve essere eseguito nelle versioni locali del modello condiviso per aggiornare le entità gettate.

Se XS_​CALCULATE_​POUR_​UNITS_​ON_​SHARING è impostato su TRUE (ovvero il valore di default), Tekla Structures calcola e aggiorna automaticamente le entità gettate durante la scrittura e la lettura.

Se XS_CALCULATE_POUR_UNITS_ON_SHARING è impostato su FALSE , ciascun utente deve eseguire il comando Calcola entità gettate nella propria versione locale del modello condiviso per aggiornare le entità gettate.

Le assegnazioni manuali create utilizzando i comandi Aggiungi all'entità gettata e Rimuovi da entità gettata vengono condivise.

Esclusione di file e cartelle da Tekla Model Sharing

Di default, i file e le cartelle nella cartella del modello vengono condivisi quando si condivide un modello in Tekla Model Sharing. Se non si desidera condividere tutte le cartelle o i file della cartella del modello, è possibile scegliere di escludere alcuni di loro dalla condivisione.

Note:

Tekla Model Sharing funziona solo se il modello è lo stesso per tutti gli utenti. Tekla Structures esegue automaticamente la condivisione dei dati specifici del modello. È possibile escludere solo i file che non hanno effetto sul modello. Non è possibile escludere uno dei database che si trovano nella cartella del modello, ad esempio xslib.db1.

Le cartelle vuote nella cartella del modello e alcuni file vengono esclusi automaticamente.

  1. Nel menu File cliccare su Condivisione > Impostazioni di condivisione .

    Verrà aperta la finestra di dialogo Impostazioni di condivisione.

  2. Cliccare sul pulsante Escludi per vedere quali file e cartelle nella cartella modello sono esclusi dalla condivisione e per escludere più file o cartelle.

    Alcuni dei file e delle cartelle sono esclusi automaticamente dalla condivisione. Questi file e cartelle appaiono nella lista File e directory della cartella modello esclusi e non possono essere rimossi dalla lista.

    1. Se si desidera escludere più cartelle o file, cliccare sul pulsante Cartella o File.
    2. Selezionare la cartella o il file da escludere.

      Le cartelle e i file esclusi vengono aggiunti alla lista File e directory della cartella modello esclusi.

      Se si esclude una cartella, tutti i relativi sottofile e sottocartelle vengono anch'essi esclusi da Tekla Model Sharing.

      È possibile escludere i file in diversi modi. Ad esempio, se si ha un file denominato TeklaStructures.bbb e si utilizzano le seguenti impostazioni per escludere i file:
      Opzione Descrizione
      (x.x) TeklaStructures.bbb è escluso dalla condivisione.
      (x.*) Tutti i file con TeklaStructures. sono esclusi dalla condivisione.
      (*.x) Tutti i file con .bbb sono esclusi dalla condivisione.
      (*.*) Tutti i file di quella cartella, ma non delle relative sottocartelle, sono esclusi dalla condivisione.
    3. Se si desidera rimuovere le cartelle o i file aggiunti dalla lista dei file esclusi, cliccare su Rimuovi.

      Non è possibile rimuovere una cartella o un file escluso automaticamente.

  3. Cliccare su OK al termine della selezione dei file esclusi.

Come condividere gli aggiornamenti dei cataloghi

Talvolta potrebbe essere necessario aggiornare i cataloghi con nuove definizioni, come ad esempio nuovi profili, e condividere le modifiche senza creare oggetti con nuove definizioni.

  1. Assicurarsi che tutti gli utenti scrivano le relative modifiche sul modello condiviso.
  2. Effettuare la lettura di tutte le modifiche del modello.
  3. Aggiornare i cataloghi necessari.
  4. Creare nuovi dati di base.
  5. Assicurarsi che tutti gli utenti partecipino ai dati di base creati.

    Dopo che gli utenti partecipano ai dati di base:

    1. Assicurarsi che gli utenti verifichino che le impostazioni per i file e le cartelle esclusi siano aggiornate in File > Condivisione > Impostazioni di condivisione > Escludi o che copino il file FileSharing.ini dalla versione locale precedente del modello in ..\TeklaStructuresModels\<model>\ModelSharing\Settings.
    2. Assicurarsi che gli utenti rimuovano le precedenti versioni locali del modello.

Modalità di condivisione dei dati di Organizzazione

Di default, i dati di Organizzazione non vengono condivisi. Tuttavia, è possibile utilizzare l'importazione e l'esportazione di Organizzazione con Tekla Model Sharing per condividere le modifiche di Organizzazione.

  1. Selezionare un utente responsabile dei dati di Organizzazione. Questo è l'utente A.
  2. L'utente A crea i dati di Organizzazione ed esporta i dati in una sottocartella del modello.

    La cartella selezionata non può essere la cartella ProjectOrganizer di default.

  3. L'utente A effettua la scrittura.
  4. L'utente B effettua la lettura e nota che ci sono nuovi dati disponibili.
  5. L'utente B apre Organizzazione e importa i dati che l'utente A ha esportato.
  6. L'utente B rimuove i vecchi dati di Organizzazione e salva il modello.
  7. L'utente A aggiorna i dati di Organizzazione , esporta l'aggiornamento ed effettua la scrittura.
  8. L'utente B effettua la lettura e importa i dati aggiornati in Organizzazione.

    I dati vengono visualizzati come nuovi in Organizzazione. L'utente B rimuove i vecchi dati.

Modalità di funzionamento dei diversi tipi di oggetti nei modelli condivisi

Quando più utenti modificano il modello contemporaneamente in Tekla Model Sharing , si possono verificare conflitti.

In generale, tutti i tipi di oggetti funzionano in modo simile in Tekla Model Sharing. Quando si effettua la lettura, le modifiche nel pacchetto ricevuto sovrascrivono le modifiche locali allo stesso oggetto. In altre parole, se più utenti modificano lo stesso oggetto, l'utente che scrive per primo le modifiche nel servizio di condivisione vince nei conflitti.

Prima di iniziare a condividere i modelli, accordarsi sui metodi comuni di lavoro. Ad esempio, è possibile concordare che gli utenti lavorino su diverse aree del modello.

Oggetto/proprietà Descrizione
Oggetti del modello

Una modifica condivisa della proprietà di un oggetto sovrascrive qualsiasi altra modifica della proprietà di un oggetto.

Ad esempio, un utente modifica un profilo trave ed effettua la scrittura. Un altro utente ha modificato il materiale della stessa trave ed effettua la lettura. L'utente che ha modificato il materiale della trave perde le modifiche, poiché le modifiche condivise sovrascrivono le modifiche locali allo stesso oggetto.

Marcatura famiglia

Verificare le impostazioni di marcatura famiglia.

Le impostazioni di marcatura famiglia sono condivise ma non possono essere aggiornate incrementalmente. Si consiglia che un solo utente legga tutti i pacchetti, esegua gli aggiornamenti e quindi condivida le impostazioni scrivendole. Se l'utente necessita di effettuare la lettura prima della scrittura, è importante verificare che le impostazioni siano come erano prima di iniziare la loro condivisione.

Assegnare numeri partenza con ampi intervalli in modo da non esaurire i numeri all'interno di una serie marcatura e affinché una serie marcatura non si sovrapponga a un'altra.

Si consiglia di utilizzare il comando Marca le serie di marcatura degli oggetti selezionati nella scheda Disegni & report durante la marcatura.

Griglie

Se si verifica un conflitto durante la condivisione delle griglie, queste ultime vengono ricreate utilizzando i valori originali impostati nelle relative proprietà. Le linee griglia aggiunte manualmente andranno perse.

Ad esempio, se due utenti modificano una griglia aggiungendo linee griglia ed eseguono la scrittura, le linee griglia aggiunte scompaiono dal modello quando eseguono la lettura.

Cataloghi

Controllare i cataloghi in modo che includano tutte le definizioni necessarie.

A partire Tekla Structures 2018, i file di geometria delle sagome in formato .xml vengono convertiti automaticamente in formato .tez nei modelli condivisi.

Attributi utente (UDA)

Una modifica condivisa a un attributo utente (UDA) sovrascrive solo le modifiche allo stesso UDA.

Ad esempio, una modifica nell'UDA Commento sovrascrive una modifica all'UDA Commento ma non all'UDA Accorciamento.

Una modifica condivisa a una parte non sovrascrive modifiche UDA e viceversa.

Parte e componente correlato

Una modifica condivisa a una parte non sovrascrive modifiche componente e viceversa.

Componenti personalizzati

Se un utente elimina un componente personalizzato dal catalogo Applicazioni e componenti nella versione locale del modello condiviso, la lettura causa la visualizzazione di un'istanza del componente personalizzato nel modello anche se il componente non è stato utilizzato nel modello.

Non è possibile modificare l'istanza del componente nel modello. Se è necessario modificare il componente, esploderlo prima.

Disegni

Potrebbero esserci disegni duplicati provenienti dalla stessa parte.

Ad esempio, due utenti creano disegni dalla stessa parte mentre lavorano sulle versioni locali del modello condiviso. Se entrambi gli utenti scrivono le proprie modifiche, due disegni vengono visualizzati in Gestione documenti. Tekla Structures non elimina i disegni e non unisce le modifiche dei disegni. È necessario controllare visivamente i disegni e decidere quali eliminare oppure utilizzare i blocchi disegni per evitare che altri utenti modificano i disegni.

Getti

Stabilire se la gestione dei getti sarà utilizzata nel modello e impostare XS_​ENABLE_​POUR_​MANAGEMENT di conseguenza.

In alcune situazioni, la gestione dei getti provocava conflitti durante la lettura, anche se le entità gettate non venivano modificate. Questi conflitti possono causare la rimozione di oggetti dalle entità gettate.

Se la gestione dei getti è attivata nel modello, non disattivarla utilizzando XS_​ENABLE_​POUR_​MANAGEMENT , specialmente nel corso del progetto. Ciò può causare problemi se sono presenti disegni contenenti oggetti getto e se il modello viene condiviso. Gli oggetti getto e le interruzioni getto nel modello e nei disegni possono diventare non validi ed è possibile perdere tutto il lavoro di modellazione dei getti.

Le assegnazioni automatiche degli oggetti alle entità gettate non sono condivise. Per aggiornare le entità gettate, è necessario eseguire il comando Calcola entità gettate.

  • Se XS_​CALCULATE_​POUR_​UNITS_​ON_​SHARING è impostato su TRUE (ovvero il valore di default), Tekla Structures calcola e aggiorna automaticamente le entità gettate durante la scrittura e la lettura.

  • Se XS_CALCULATE_POUR_UNITS_ON_SHARING è impostato su FALSE , ciascun utente deve eseguire il comando Calcola entità gettate nella propria versione locale del modello condiviso quando devono aggiornare le informazioni delle entità gettate.

    Ad esempio, l'utente 1 sposta una barra d'armatura in modo che tocchi un oggetto getto, esegue il comando Calcola entità gettate per aggiungere la barra all'entità gettata ed esegue la scrittura. Se l'utente 2 esegue la lettura, osserva che la barra d'armatura è stata spostata, tuttavia non è stata aggiunta all'entità gettata.

Le assegnazioni manuali e altre modifiche agli oggetti getto e agli oggetti collegati agli oggetti getto (come le modifiche alla geometria o alla posizione) vengono condivise. Una modifica manuale condivisa nell'assegnazione delle entità gettate ha sovrascrive una modifica locale.

Ad esempio, l'utente 1 aggiunge un inserto a un'entità gettata utilizzando il comando Aggiungi all'entità gettata ed esegue la scrittura. L'utente 2 ha aggiunto lo stesso inserto a un'altra entità gettata utilizzando il comando Aggiungi all'entità gettata. Se l'utente 2 esegue la lettura, nota che l'inserto è stato aggiunto all'entità gettata aggiunta ad esso dall'utente 1.

File standard per l'impostazione di marcatura

I file standard per l'impostazione di marcatura non vengono caricati automaticamente quando si effettua la lettura. Per iniziare a utilizzarli, è necessario ricaricarli dopo la lettura.

Warning:

Se l'eliminazione di un oggetto è stata scritta nel servizio di condivisione, l'oggetto verrà eliminato nel modello quando si effettua la lettura. Ciò si verifica indipendentemente dal fatto che si sia modificato l'oggetto prima della lettura. Gli oggetti eliminati rimangono eliminati se l'eliminazione è stata condivisa.

Gli oggetti eliminati non vengono visualizzati quando si effettua la lettura.

Was this helpful?
Precedente
Successivo